giovedì 26 luglio 2007

E la gallina? Intenzioni di questo blog


Perché un altro blog?


Perché sembra che gli economisti, cioè le persone che dovrebbero pianificare e valutare le scelte politiche più importanti, quelle che influenzano presente e futuro del paese, siano tutti spariti ingurgitati da un mondo oscuro, e rimpiazzati da un'orda demoniaca di parlamentari, giornalisti insulsi e vallette gnocche. Con notevole perizia, questi untori giunti da Mordor riescono a parlare per ore, pure a litigare come tifosi al baretto, senza dire assolutamente nulla di vero e/o di rilevante per il cittadino.

Allora scatta la mia controffensiva controinformativa e contraria ai controlli preventivi di palinsesto: il blog! Un piccolo contributo di opinione critica, nella speranza che le parole qui vergate (o meglio, "digitate") non svaniscano nel maremoto dei diecimila blog dei teenager che fremono di parlar di sé e della propria *interessantissima!* visione del mondo.

Dunque: meglio l'uovo oggi. Perché il futuro è incerto, mentre la fame si sente subito e senza dubbi sul metodo statistico di rilevazione.
Meglio lavorare subito a proposte diverse, ragionate ma di rapida attuazione.
Meglio sbrigarsi e, ognuno per quel che può, rimboccarsi le maniche: chi gestisce la nostra vita collettiva è completamente inaffidabile e inetto, che sia a destra, a sinistra, al centro o spostato un po' più in là.


E la gallina?

Noi trentenni, se nulla cambia, alla gallina non ci arriveremo mai. Prima, nel boom economico italiano, di galline grasse ce n'erano a iosa, ma i nostri padri se le sono ampiamente divorate.
Oggi ci rimane qualche uovo, e pure qusto patrimonio è a rischio.

Se lasciamo le cose come sono, fra inquinamento diffuso del territorio, speculazioni edilizie, capitali drenati dalla grande finanza e portati all'estero, sfida della competizione globalizzata perduta nei settori industriali più importanti, deficit energetico e dipendenza dall'estero (gas russo, atomica francese, petrolio mediorientale), sistemi di vigilanza malfunzionanti o collusi coi controllati, INPS al tracollo finanziario, scandali finanziari, disoccupazione diffusa, precariato diffuso e divario fra ricchi e poveri in aumento, qui in Italia ce n'è solo per comprarci un passaggio dagli scafisti verso altre nazioni.

Allora basta, riprendiamoci quelle poche "uova" rimaste, e cerchiamo di gestirle in modo intelligente e lungimirante.

1 commento:

Angè ha detto...

Dieke! Bentrovato! Che sorpresa!
Innanzitutto, apprezzo la bontà delle intenzioni, e tornerò a leggerti.

Riscuoterei volentieri il caffè che mi devi, e che ad oggi ha maturato gli interessi di una shakerata con addizione alcolica.

Dopo esser passata per il Trentino prima, e per il Piemonte poi, vivo da qualche mese a Roma, fortunatamente per lavoro.

Spero che passi ancora da queste parti.
Il mio indirizzo mail è sempre quello, da circa 12 anni. Sul tuo ho dei dubbi, ed ecco perchè ti scrivo qui.

Un abbraccio e a presto.